.
Annunci online

 
lucarossi 
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  fantanessuno
RED tv
luciano consoli
claudio caprara
mario adinolfi
marco de amicis
marco esposito
nessuno tv
paola di fraia
rudi ghedini
  cerca

In onda su RED

www.redtv.it


 

diario | Fotografando |
 
Diario
1visite.

18 ottobre 2008

ancora Genova



Questa è la Lanterna di Genova, il simbolo della città, costruita intorno all'anno 1100, alta 77 metri, visibile fino a 50 chilometri di distanza nel mare. Si trova nella zona dove costruirono il primo porto, ora detto "porto antico", lì dove un tempo si scaricavano tutte le merci contenute in botti o sacchi ora ci sono migliaia di container tutti colorati che vengono mossi come tanti mattoncini di lego. Però resistono ancora i Carbunè, quelli della Compagnia Portuale Pietro Chiesa, fondata nel 1893, specializzati nello scaricamento e nel trasporto del Carbone,  ancora oggi una delle attività più prolifiche del porto.

10 ottobre 2008

Genova


Stasera parto per Genova insieme al mio fratellozzo (l'ultimo dei 6) che ha compiuto 15 anni, gli faccio un regalo diverso, anche perchè sista per comprare la Playstation3 e il Wii già ce l'ha. Si accettano consigli sui posti imperdibili da visitare...intanto a me Genova fa venire in mente la canzone di Paolo Conte:.

Con quella faccia un po’così

quell’espressione un po’così

che abbiamo noi prima andare a Genova

che ben sicuri mai non siamo

che quel posto dove andiamo

che ben sicuri mai non siamo

non c’inghiotte e non torniamo più.



II. Eppur parenti siamo un po’

di quella gente che c’è lì

che in fondo in fondo è come noi selvatica

ma che paura che ci fa quel mare scuro

e non sta fermo mai.



Genova per noi

che stiamo in fondo alla campagna

e abbiamo il sole in piazza rare volte

e il resto è pioggia che ci bagna.

Genova, dicevo, è un’idea come un’altra

Ah… la la la la



III. Ma quella faccia un po’così

quell’espressione un po’così

che abbiamo noi mentre guardiamo Genova

ed ogni volta l’annusiamo

e circospetti ci muoviamo

un po’randagi ci sentiamo noi.

Macaia, scimmia di luce e di follia,

foschia, pesci, Africa, sonno, nausea, fantasia.

E intanto nell’ombra dei loro armadi

tengono lini e vecchie lavande

lasciaci tornare ai nostri temporali

Genova ha i giorni tutti uguali.

In un’immobile campagna

con la pioggia che ci bagna

e i gamberoni rossi sono un sogno

e il sole è un lampo giallo al parabrise.



Con quella faccia un po’così

quell’espressione un po’così

che abbiamo noi che abbiamo visto Genova 



sfoglia
settembre        novembre