.
Annunci online

 
lucarossi 
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  fantanessuno
RED tv
luciano consoli
claudio caprara
mario adinolfi
marco de amicis
marco esposito
nessuno tv
paola di fraia
rudi ghedini
  cerca

In onda su RED

www.redtv.it


 

diario | Fotografando |
 
Diario
1visite.

31 marzo 2009

post sbornia






Con qualche giorno di ritardo volevo commentare il congresso del Pdl che ho seguito da vicino per tutti e tre i giorni in cui si è svolto. Prima di tutto le masse di gente trascinate lì. E' vero che era tutto pagato, perfino i parlamentari, oltre a non essere obbligati a versare  il famos "obolo", che in genere, ai congressi, i più facoltosi pagano per i delegati semplici, hanno avuto tutto spesato. Però il punto non è lì, il punto è che dopo tre giorni c'era un entusiasmo generale, seimila persone trascinate dal Capo che non si è dovuto neanche sprecare troppo per strappare grandi vagonate di applausi. Ho visto gente che si era intrufolata nel recinto stampa e pur vedendo che nessuno dei giornalisti applaudiva (per dovere di cronaca...anche se a qualcuno qualche applauso è scappato), si spellava per gli applausi, gridava "bravo, bravo!!!" senza alcun pudore. Qualcuno ha detto "poche discussioni", "poca democrazia interna". Eppure non è detto che un partito debba per forza formare la sua classe con delle primarie, o debba discutere fino allo sfinimento per poi trovarsi con un pugno di mosche in mano (con evidenti ripercussioni davanti all'elettorato). C'è un popolo che ama Silvio Berlusconi, il suo modo di far politica, tutti i riti che ormai gli sono stai costruiti intorno. C'è un altro popolo che non lo ama, che non sopporta certe "facilonerie", un certo "modo sbrigativo" di far politica, che però, con la stessa (e forse con più) severità di giudizio, è pronto a dare addosso alla stessa parte politica per cui vota (la sinistra). Il popolo del Pdl ha quello che vuole, quando non ci sarà più Berlusconi se ne ridiscuterà, ma il popolo del PD e la sinistra, hanno quello che vogliono? La classe dirigente ascolta il malessere che viene, prima di tutto, dal suo stesso elettorato. Le europee e le amministrative del 6 e 7 giugno ce lo diranno...

14 febbraio 2009

clemente



«L'alleanza con il Pdl vale per le europee - conferma Mastella. - Dove si andrà a votare per le amministrative, in Campania, faremo una verifica e visto come mi hanno trattato non credo che ci saranno altre alleanze a sinistra». L'ex Guardasigilli replica seccato a chi insinua che il premier, Silvio Berlusconi, abbia in qualche modo saldato il debito con chi, di fatto, ha provocato la caduta di Prodi: «Chi dice questo è un farabutto». Mastella non intende però rivolgere nessun messaggio politico ai suoi ex partner del centrosinistra: «Non ho nulla da dire, a Veltroni o ad altri. Ringrazio invece il gruppo dirigente del Pdl: potevano avere molti motivi per dire no all'intesa, invece ho riscontrato piena sintonia sia dai livelli nazionali che da quelli locali». (dal Corriere.it)

Ritorna Clemente Mastella e fa esattamente quello che tutti avevano sospettatto ma che lui non ha mai confermato, il "salto della quaglia". Non capisco chi voti uno che nella scorsa legislatura non perdeva un'occasione per criticare il Cavaliere ed ora si presenta come suo alleato alle prossime elezioni europee, ma evidentemente qualcuno c'è...

sfoglia
febbraio        aprile