.
Annunci online

 
lucarossi 
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  fantanessuno
RED tv
luciano consoli
claudio caprara
mario adinolfi
marco de amicis
marco esposito
nessuno tv
paola di fraia
rudi ghedini
  cerca

In onda su RED

www.redtv.it


 

diario | Fotografando |
 
Diario
1visite.

10 giugno 2010

la polvere dei sogni

 

"La tenuta, per qualche oscuro motivo e indubbiamente fantasioso, era chiamata Sinai; ma per noi fu sempre conosciuta con il nome di "Casa degli uccelli", e sembrava perfettamente naturale che in mezzo a una simile esuberanza ornitologica la stessa Ouma Kristina finisse a poco a poco per somigliare a ciò che la circondava, come si dice della somiglianza dei cani ai loro padroni" ... ... "Un posto in cui qualunque cosa era possibile, poteva accadere, anzi accadeva. Di notte era visitato da fantasmi e da spiriti ancestrali - io lo so, credetemi: li ho sentiti, ho avvertito la loro presenza, li ho visti - ma anche di giorno, sotto l'implacabile occhio divino del sole, si mostrava misterioso, improbabile, un sogno o un incubio, un pensiero o una speranza, o una visione turbata dalla colpa, una prova disperata ed esuberante degli eccessi di cui la mente umana è capace, quando è lascita libera."

 

Questo è uno di quei romanzi che mi ha fatto scoprire la storia di un paese che pensavo di conoscere bene ma che invece è piena di incognite. Le contraddizioni e le difficoltà del Sudafrica post-apartheid vanno al di là dei nostri miti occidentali, fondati sulla grande figura di Nelson Mandela. Prima lettura estiva consigliata, davanti al mondiale che inizierà domani, con un grande in bocca al lupo ai sudafricani che hanno una grande occasione e per questo sono sottoposti ad un bel rischio.

23 aprile 2009

JZ



Il Sudafrica al voto. L'Anc, il partito che fu di Nelson Mandela, e che lottò per eliminare l'apartheid, vincerà con una maggioranza schiacciante 8le ultime rilevazioni lo danno vicino al 66%) , tanto forse da poter avere i due terzi del parlamento e comnque sufficienti per eleggere, il 6 maggio, Jacob Zuma presidente. JZ è un personaggio controverso, che non ha di certo la stessa storia del grande ledear Mandela, con cui condivise anni di prigionia. Il Sudafrica è ancora un paese diviso, dove è necessario un governo che consegua la definitiva pacificazione nazionale. Vedremo se JZ saprà portare il suo paese su quel binario, o se invece lo lascerà sprofondare nel clima di odio che sembra rinascere nelle grandi metropoli da dove "i bianchi" fuggono sempre più numerosi.

sfoglia
settembre        luglio