.
Annunci online

 
lucarossi 
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  fantanessuno
RED tv
luciano consoli
claudio caprara
mario adinolfi
marco de amicis
marco esposito
nessuno tv
paola di fraia
rudi ghedini
  cerca

In onda su RED

www.redtv.it


 

diario | Fotografando |
 
Diario
1visite.

16 settembre 2008

summer school

 

La Summer School del Pd, che si è svolta tra Castiglione del Lago, Cortona e Sinalunga durante l'ultimo fine settimana, mi è sembrata una buona esperienza: relatori importanti, lezioni molto interessanti e soprattutto seguitissime, nonostante la difficoltà degli argomenti e il caldo asfissiante nelle aule. Devo dire che mi ha stupito il livello delle domande alla fine di ogni lezione, veramente alto, e sempre a tema con l'oggetto della lezione stessa . La scommessa più rischiosa è stata sicuramente quella di non aver invitato esponenti politici di rilievo con l'intento (positivo) di dedicare i 4 giorni alla formazione e a null'altro, ma con l'evidente ricaduta di passare un po' nell'ombra di stanchi trafiletti sulla stampa nazionale. Veltroni l'ha detto più volte ai giornalisti arrivati da Chianciano (dove c'era la festa dell'Udc) già paghi di notizie e dichiarazioni. 

 


Qui vedete all'opera la super troupe di Nessuno Tv che ha seguito tutte e 36 le lezioni oltre alla conferenza finale di Veltroni, grandi!!(Tra l'altro to preparando una sintesi che potrete vedere mercoledì 17 alle 21,00).

29 luglio 2008

ideologie



 ..."questa storia che le ideologie sono finite e' sbagliata. Il berlusconismo cosa e' se non una ideologia? E il leghismo? Noi dobbiamo far capire la nostra. Sto parlando di sistemi concettuali che vengono prima di tutto e che noi dobbiamo far vivere: far capire con immediatezza che vogliamo una societa' in cui non si puo' star bene da soli. Questo e' il bacino naturale della sinistra e per questo dico che la sinistra esiste in natura''.
''Io voglio parlare a tutta la sinistra. Se fai il deserto attorno non e' che l'acqua viene da se'. E nel rivolgermi all'area di sinistra - continua il ministro dell'Economia del governo ombra - dico che non bisogna avere paura delle parole. Liberalizzazioni, merito... il punto e': dobbiamo dire meglio chi siamo''
. (Alessandro De Angelis su Il Riformista)

Bersani ritorna sul tema dele identità, di fatto criticando il modello del partito liquido di Veltroni, chissà che l conferenza programmatica del PD, prevista per metà ottobre, non sia il luogo dove si scontreranno (finalmente a viso aperto) due (o più) idee diverse di partito...

10 luglio 2008

Fine di una storia






Dopo la contestatissima manifestazione Veltroni lancia l'Uultimatum: o la piazza o il PD. Tonino sceglie la piazza, i democratici riscrivono le alleanze, proprio nel momento in cui alla camera approda il lodo Alfano, spazio all'Udc?

Ne parliamo oggi dalle 15,00 in poi su Nessuno Tv, con il sen. Giorgio Tonini.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra pd di pietro veltroni idv tonini

permalink | inviato da lucarossi il 10/7/2008 alle 10:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

8 luglio 2008

con chi Lega il Pd...




Nelle ultime settimane si è parlato di un riavvicinamento tra il Pd e il Carroccio.La Lega è ancora una costola della sinistra? 
«Io dissi che la Lega era una costola del movimento operaio: la Lega era l`unica forza di destra che sfondava nell`elettorato operaio del nord. Era accaduto nel 1994 e si è ripetuto. Il suo elettorato è composto per oltre il 30% da operai. È un fenomeno impressionante e degno di essere preso in considerazione. La Lega è un partito regionale che rappresenta un pezzo importante della società del nord.La Lega capisce che un`operazione così complessa come il federalismo, che comporta un compromesso tra nord e sud, deve passare con l`accordo con un grande partito nazionale come il Pd. La Lega teme che le ragioni personali di Berlusconi compromettano ogni possibile dialogo». 
(Alessandro Sallusti su Libero)



 «Sì, l’ho letto che Bossi dice che ho ragione e che il governo non può andare avanti con una lite al giorno. Apprezzo che condivida il mio giudizio. Ma non basta. E affinché nessuno possa poi dire che non era stato avvisato, è giusto che il leader della Lega sappia che non è pensabile che si dialoghi sul federalismo mentre si insultano e si attaccano i magistrati». Si ferma, scorre le ultime agenzie sul video del suo pc, poi diventa ancor più netto: «Non è pensabile che a settembre ci si possa mettere a discutere di riforme in questo clima. Per cui, con la franchezza necessaria, a Bossi dico questo: l’ostacolo sulla via del federalismo e delle riforme si chiama Silvio Berlusconi. Meglio ancora: l’ostacolo è la linea su cui si è attestato. E una cosa dev’esser chiara: o si cambia o la vedo davvero dura». 
(Federico Geremicca su La Stampa)

Il Pd guarda alla Lega del Senatùr per ricominciare il dialogo sulle riforme...incredibile


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. d'alema pd lega bossi veltroni

permalink | inviato da lucarossi il 8/7/2008 alle 10:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

21 giugno 2008

La cravatta di W


Ieri, giorno dell'Assemblea Costituente                                            Un anno fa, al Lingotto di Torino


Veltroni cerca di scuotere l'assemblea, si alza e parla senza cravatta, i più maliziosi pensano che anche su questo stia rincorrendo Berlusconi, nonostante ieri sia stata decretata la morte del soprannominato Caw. Pochi delegati, di cui alcuni molto critici: una professoressa di Catania si volta verso la scrivania dei big: "io non ti chiamo Walter, ma onorevole Veltroni... al Sud abbiamo percentualii bassissime, dobbiamo farci un esame di coscienza", un altro rospo da ingoiare, dopo la tirata di Parisi che denuncia l'assenza del numero legale che renderebbe nulla la votazione della Direzione nazionale. Ci si mette anche lo sciopero degli aerei, i delegati vengono con la valigia e non hanno il posto dove metterla, posti a sedere però ce ne sono fin troppi, ché 2000 persone sono rimaste a casa. Fanno appena in tempo a sedersi che già si sparge la voce di un possibile annullamento della giornata di sabato, sospiri di sollievo "si va al mare", forse è meglio così, meglio le correnti marine che quelle piccole e grandi che trovano il momento di riunirsi dietro il palco o appena fuori il tendone numero 7. Ieri il Lingotto era lontanissimo, e non solo per la cravatta...

19 giugno 2008

Bye Bye Loft

 

Il loft di Piazza Santa Anastasia (ancora non ho capito se l'accento si mette sulla "a" o sulla "i") è stato abbandonato dopo 7 mesi di vita. Il loft era bello, ampio, luminoso, moderno, soprattutto aperto. Problemi logicistici, molti: non è mai stata predisposta la stanza per il presidente del PD Romano Prodi, per mancanza di spazio e di condizionatori; tutti gli uomini di W su in "piccionaia", un soppalco esattamente sotto il tetto,  con i redattori che facevano il gioco delle sedie ogni mattina per trovare la postazione con il pc libero. Per non parlare del freddo d'inverno e del caldo d'estate...Tutti via, si va al Nazareno, la vecchia sede della Margherita che tanto vecchia non è se al centralino rispondono: "buongiorno, Margherita, desidera?" Insomma dov'è il PD? Al secondo piano ci sono i DL, al terzo i DS, i prodiani non riescono ad abbandonare piazza SS. Apostoli, i veltroniani fanno erigere una parete al giorno perchè devono ritagliarsi il loro spazio. Quanto meno c'è un po' di confusione! Domani sono all'Assemblea Costituente..vediamo se esce qualcosa di concreto....

sfoglia
agosto        ottobre