Blog: http://lucarossi.ilcannocchiale.it

Gli Swacth, Taricone, Obama e una statua di Nerone

E' morto il padre degli orologi Swatch, Nicolas Hayek, e come una leggenda che si rispetti, è morto mentre lavorava al progetto di un altro dei suoi coloratissimi segnatempo. Dal 1983, anno di nascita della sua azienda, sono stati venduti ben 300 milioni di Swatch in tutto il mondo. Mi dispiace che Taricone, l'eroe del primo Grande Fratello (l'unico che mi ha suscitato qualche interesse) sia in gravissime condizione, dopo un volo andato male con il paracadute, speriamo si salvi. Barack Obama che spegne il mondo (virtuale) con un pulsante è un po' come Bush che, secondo alcuni, aveva un pulsante nascosto sotto la scrivania per lanciare missili... insomma: non vi stupite, l'America è sempre l'America, la grandezza (e la megalomania) si vede anche da questi particolari. E poi, a proposito di grandezza, una statua all'imperatore Nerone in quel di Anzio, sua città natale, oggi  meta vacanziera del litorale romano, famosa per lo sbarco degli Alleati. Probabilmente l'unica al mondo per un imperatore considerato, secondo i suoi concittadini a torto, come uno dei più feroci persecutori dei cristiani, nonchè pazzoide suonatore di lira, con alle sue spalle la città (o meglio, la suburra) in fiamme.

 

Pubblicato il 28/6/2010 alle 23.14 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web